Tifoso partenopeo vince causa contro l’Inter

2
134

L’Inter deve pagare 1.500 euro a un tifoso partenopeo, a titolo di risarcimento del ”danno esistenziale” da lui subito per gli striscioni contro i napoletani esposti a San Siro durante il match del 6 ottobre scorso. Lo stabilisce una sentenza firmata dal dott. Antonio Marzano, giudice di pace della prima sezione di Napoli. Il tifoso partenopeo – G.D.B., difeso dall’avvocato Raffaele Di Monda – si era rivolto al giudice di pace raccontando di aver lasciato lo stadio ”indignato e profondamente colpito da striscioni denigratori, esposti nel secondo anello della curva nord, occupata dagli ultra’ interisti, nei confronti dei napoletani”. Le scritte riportate sugli striscioni, si legge nell’esposto al giudice di pace, ”recitavano espressioni come ‘Napoli fogna d’Italia’; ‘Ciao Colerosi’; ‘Partenopei tubercolosi’; ‘Infami’, cui si aggiungevano canti e cori razzisti e offensivi”. Il giudice di pace, rileva l’avvocato Di Monda, ha riconosciuto nella fattispecie un ”danno esistenziale”, condannando la societa’ nerazzurra per ”responsabilita’ oggettiva”. L’azione legale e’ stata vinta in primo grado, nonostante l’opposizione dei legali dell’Inter che ne chiedevano la cancellazione per errata competenza territoriale, spiega ancora il legale che e’ presidente dell’associazione ”L’Ego di Napoli”.

 

Redazione NapoliSoccer.NET – Tratto da (ANSA)



2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here