Game Over – Iacobelli (all.): “Dopo l’ennesima brutta partita preferisco guardare al futuro”

9
100

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Il Napoli rimane appeso ad un autogol, poteva essere una disfatta totale, ma grazie a Pesoli il discorso rimane aperto: 51% Siena, 49% Napoli.
Certamente il Napoli ieri sera è stato sfortunato con due pali colpiti e le grandi parate di Farelli che hanno negato il gol agli azzurri. Ma questo non può bastare a giustificare la sconfitta con il Siena.
Partiamo dal precisare che prima della rete del Napoli c'era stato un fallo da ultimo uomo su Brienza lanciato a rete non sanzionato dall'arbitro e poi analizziamo la formazione titolare del Siena. Farelli quest'anno non ha mai giocato una partita. La retroguardia del Siena non era di certo quella titolare mentre a centrocampo era presente il solo D'Agostino tra i titolari. In attacco la coppia Reginaldo-Bogdani ha giocato 900 minuti in due sui 4200 disponibili in tutto il campionato. Di contro, il Napoli ha risposto con la squadra dei titolarissimi ad esclusione di Lavezzi.
Certo non può essere quest'unica assenza a giustificare la sconfitta di ieri anche se quando è entrato il Pocho la musica è cambiata. Guardando le forze in campo non può non notarsi che il divario tecnico fa le due squadre era notevole. Non si può non vincere una partita così eppure è accaduto quello che nessuno si aspettava.
A livello tattico la partita è stata persa sulle fasce. Zuniga e Maggio sono incappati in una delle partite peggiori della stagione; Mannini ha nettamenten dominato il confronto con Maggio. Purtroppo il giocatore veneto è in un momento di crisi. Come Inler che non sta riuscendo ad impostare e a dare ordine alla squadra, così l'esterno destro del Napoli non riesce a pungere in attacco ed è sempre in ritardo in difesa. Anche il pacchetto difensivo non ha convinto e non sta convincendo. Vedi l'uscita di De Sanctis fuori area che ha fermato un Bogdani più che solo e gli errori a ripetizione di Campagnaro e Cannavaro su tutti.
Inoltre, indipendentemente da queste valutazioni non possono essere sottaciuti i meriti di mister Sannino. Il Siena 2 è riuscito ad imbrigliare il Napoli 1 in una morsa perfetta, costringendo i partenopei a cercare la soluzione da lontano o l'azione da palla inattiva.
Piccola curiosità: proprio ieri mi è stato chiesto quali fossero i giocatori che il Napoli doveva temere del Siena: andatevi a leggere chi avevo nominato… certo non ci voleva un indovino per analizzare i rischi nè penso ce ne voglia uno per trovare le giuste contromisure al Siena di ieri sera. Eppure ciò non è accaduto.
Dopo l'ennesima brutta partita preferisco guardare al futuro, il ritorno della partita sarà tra più di un mese, dunque c'è tutto il tempo per preparare e vincere questa sfida. Si avvicina invece l'incontro più atteso dell'anno: Napoli-Chelsea. Se il Napoli riuscisse a passare il turno certamente sarebbe un'impresa, che economicamente porterebbe nelle casse della società introiti che dovranno servire nella prossima stagione a rinforzare veramente la squadra per essere di nuovo competitivi in campionato. Nel mezzo ci saranno le due partite (amichevoli?) con Chievo e Fiorentina. Appuntamento al 21 febbraio.
 
Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteD. Maradona: “Voglio allenare il Napoli ma….”
Prossimo articoloBuon compleanno a Christian Maggio
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


9 Commenti

  1. Guardiamo al futuro…si daccordissimo ma senza mazzarri senza quei giocatori che ti fanno il piacere la cortesia di stare in campo sbagliando anche i + semplici appoggi al compagno !!! Forse l’anno scorso ci siamo abituati male ma vedere una squadra ridotta allo sbando da 2 incompetenti mi fa dispiacere mi fa rabbia ….tanta assssssai!!!!!

  2. Ho letto l articolo del mister al di la di aver detto di temere sia REGINALDO sia D’AGOSTINO anche a livello tattico aveva analizzato benissimo come sarebbe andata .Ora dico io se certe cose le vede uno che al massimo ha allenato in c1 MAZZARRI

  3. CUORE azzurro che vuoi dire che MAZZARRI e’ un allenatore da c1 o che anche un modesto allenatore di lega pro aveva letto la gare meglio di lui. cmq uno che vuole fare il coach all inglese poi propone LIPPI poi si fa sponsorizzare all inter che questa estate era gia’ della juve non puo piu’ allenare il NAPOLIIIIIIIIII.complimenti a IACOBELLI

  4. Il vero problema del Napoli è uno solo cambiare la difesa…..
    1. Aronica non è all’altezza
    2. Campagnaro gioca male da 4 giornate media del 5 (regalato) perchè non viene sostiotuito??? Fernandez – Fideleff – Grava (non possono giocare da centro destra? bene giochiamo con la difesa a 4 DALL’INIZIO DELLA PARTITA E NO GLI ULTIMI 20 MINUTI SE VA BENE!!!
    La difesa va sempre in affanno perche rispetto all’anno scorso, sembra strano, ma avevamo più cambi!!!
    Giocava Grava che dava fiato in difesa, yebda pazienza a centrocampo!!!!!!
    L’attacco è sempre quello tranne pandev che è un fenomeno!!! QUESTO E’ IL VERO PROBLEMA DEL NAPOLI secondo la mia modesta diagnosi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here