La passione azzurra non ha confini: ecco il club Napoli Nippon “Samurai Azzurri”.

0
2891

Continua il lungo ed affascinante viaggio di NapoliSoccer.Net alla scoperta dei Club Napoli nel mondo. Oggi facciamo tappa in Giappone, precisamente a Azabudai, Minato, (Tokyo) dove appena ieri è nato dall’idea di Giuseppe Errichiello, (pizzaiolo napoletano trasferito in Giappone) il Club Napoli Nippon “Samurai Azzurri”. Giuseppe, attuale vicepresidente e titolare della sede del club (la pizzeria da Peppe Napoli sta’ ca’) ha voluto creare un punto di ritrovo per i napoletani che vivono in Giappone e per i tanti giapponesi tifosi azzurri che vogliono condivivere la passione per il Napoli con molta più comodità e soprattutto mangiando una buona pizza fatta proprio dal vicepresidente Peppe. Il club in questione è stato fondato senza alcun scopo di lucro e per la sola passione dei colori azzurri.
In esclusiva noi di NapoliSoccer.NET abbiamo intervistato Giuseppe Errichiello, vicepresidente del club Napoli Nippon, che nelle sue dichiarazioni ha parlato del suo club, del Napoli in generale e dell’amore dei giapponesi per la maglia partenopea. Di seguito l'intervista completa.

 

Giuseppe come è nata l'idea di fondare un club Napoli in Giappone? “L’idea è nata dalla mia passione e dal mio immenso amore per il Napoli e per i colori della mia splendida città. Ma non solo…con l’idea di fondare il club Napoli Nippon ho voluto anche accontentare i tantissimi giapponesi tifosi della maglia azzurra. Il club è nato ufficialmente domenica 20 gennaio e la sede principale è la mia pizzeria, trasformata ormai in un vero e proprio fortino azzurro. Abbiamo fatto una cena per inaugurare il Club e devo dire che sono accorse tantissime persone”.

 

Attualmente quanti iscritti conta il Club Napoli Nippon? “Attualmente il club conta già 40 iscritti, ma il numero dei fedeli tende a crescere di giorno in giorno”.

 

In Giappone come si vive l'amore per la maglia azzurra? “I giapponesi sono delle persone stupende, ma non riescono ad esternare molto i loro sentimenti, a prescindere se per una squadra di calcio oppure no. Io che sono qui in Giappone ormai da un bel po’ di anni ho imparato a conoscerli e posso dire che il loro amore per il Napoli e per la città di Napoli è immenso”.

 

Il Napoli ha pareggiato a Firenze e scivola a -5 dalla capolista Juve: secondo te, dove arriveranno gli azzurri al termine della stagione? “Il Napoli con un po’ di fortuna potrebbe anche riuscire nell’impresa e conquistare il tricolore. Di sicuro la Juventus ha una marcia in più e si nota benissimo. Sabato contro l’Udinese ad esempio, nonostante le assenze di alcuni calciatori importanti è riuscita a vincere 4-0 su l’Udinese. Io sono convinto che la differenza tra Juve e Napoli non è una questione di squadre ma di mentalità, il Napoli se gioca come contro la Roma e il Palermo allora realmente può puntare a vincere lo scudetto”.

 

…e di Cavani ne vogliamo parlare? Per il matador 100 gol in serie A e 92 con la maglia del Napoli…. “Beh di Cavani ci sarebbe tanto da dire… E’ un campione a tutti gli effetti e la mia paura e credo sia anche quella dei tantissimi tifosi azzurri, resta quella che magari un giorno potrebbe andare via da Napoli nonostante il suo ricco stipendio. Cavani è un po’ come Diego Armando Maradona, al di la dei soldi vuole vincere ed è giusto, uno come lui che a 24 anni ha già segnato 100 gol in serie A ha tutto il diritto di pretendere una squadra degna dei suoi gol”.

 

Come valuti gli acquisti di Armero e Calaió? “Valuto questi due acquisti in modo positivo perché il primo è un ottimo giocatore e Calaiò è colui che a Napoli ha fatto cose straordinarie. Armero penso sia stato preso per il futuro perché sono convinto che Zuniga andrà via, mentre l’ex arciere può dare aiutare tantissimo con la sua esperienza accumulata in questi anni. Logicamente per Calaiò sarà dura e dovrà dimostrare tantissimo per giocare. Davanti a lui ci sono Pandev e un Lorenzo Insigne che valuto un campionissimo. Vargas? Non so cosa dire ne cosa pensare. Spero che al Gremio faccia bene…”.

 

Cosa manca al Napoli secondo te per essere competitivo al 100%? “Ora che sono tornati il capitano Paolo Cannavaro e Gianluca Grava credo che al Napoli non manchi nulla. Come già detto prima agli azzurri serve solo la mentalità di una grande squadra e poi non ci sarà più speranza per nessuno”.

 

Domenica il Napoli affronterà il Parma: che partita sarà? “Sarà una gara difficile e complicata ma il Napoli è superiore dieci volte al Parma e quindi con il giusto approccio alla partita possono essere conquistati tre punti fondamentali”.

 

Un tuo pronostico… “0-2 per il mio amato Napoli”.

 

 

Domenico Ascione – Redazione NapoliSoccer.NET

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.