La passione azzurra non ha confini: ecco il Napoli Club Malpensa

0
1248

club napoli malpensa2Prosegue l’infinito viaggio di NapoliSoccer.NET alla ricerca dei Club Napoli sparsi in tutto il mondo. Oggi ci troviamo nella regione Lombardia, precisamente a Somma Lombardo in provincia di Varese, dove appena qualche mese fa è stato inaugurato il Napoli Club Malpensa. Un club fondato con lo scopo di raggruppare tantissimi tifosi del Napoli presenti a Somma Lombardo e nelle zone limitrofe.

Emiliano Cecco, presidente del club suddetto, è intervenuto ai nostri microfoni per un’intervista esclusiva dove ci ha parlato del nuovo Napoli, della prima vittoria in campionato e di tanto altro ancora. Di seguito l’intervista completa.

 

Quando e da quale esigenza è nato il club Napoli Malpensa? “Il Napoli Club Malpensa è stato inaugurato ufficialmente il 10 febbraio 2013, anche se già esisteva questo nostro progetto. Tutto è nato da una semplice trasferta e dalla voglia di un gruppo di amici con la passione di condividere con altri tifosi partenopei la propria fede per il Napoli. 

In un certo senso anche il territorio ci ha spinto verso la fondazione di un club perché sono davvero tanti i tifosi e gli appassionati del Napoli”.

 

Attualmente quante persone sono iscritte al suo club e che progetti ci sono per il futuro? “Con piacere e soddisfazione posso dire che il nostro club conta ben 110 iscritti, anche con qualche presenza femminile. 

Gli sforzi di fondare un club totalmente indipendente da altre associazioni, tipo locali, bar e pub, sono stati premiati ottimamente, anche perché siamo gli unici nel territorio lombardo ad avere questa struttura ed una sede propria e puntiamo ad arrivare a quota 250 soci entro un anno.
L’obiettivo nell’immeditato è di divenire un punto di riferimento per tutti i tifosi ed appassionati del Napoli in questa vasta area sempre più ricca di napoletani”.

 

Che rapporti avete con la popolazione lombarda? “Davvero buoni. La popolazione apprezza molto il nostro progetto congratulandosi pubblicamente e partecipando anche alle diverse iniziative organizzate dal nostro club. Spesso aprire la sede diventa davvero una festa sia per noi che per loro. Ovviamente la partita è riservata ai soli tifosi, la passione non va disseminata”.

 

Parliamo di calcio. Soddisfatto per la vittoria con il Bologna? “Assolutamente si. Soddisfattissimo della determinazione e della concentrazione costante in tutti i 90 minuti. Apprezzabile la vecchia guardia sempre pronta a sudare la maglia e complimenti ai nuovi per la dedizione e la voglia di onorare la casacca azzurra. Se poi si aggiunge il risultato e i tre punti in classifica…”

 

Che Napoli ha visto rispetto a quello di un anno fa allenato da Walter Mazzarri? “Come recita il nostro slogan: “…tutta n’ata storia…”. Ma bisogna anche dare a Mazzarri i giusti meriti per quello che ha fatto e per aver lasciato una squadra con un’ottima ossatura”.

 

Che voto da al mercato fatto fin qui dal Napoli e che ne pensa dei nuovi acquisti compreso l'ultimo arrivato Duvan Zapata? “Il mio al mercato azzurro anche se non è terminato ancora è un 9. 

Nel complesso sono arrivati giocatori di caratura internazionale che possono solo migliorare il livello tecnico e caratteriale del Napoli.
Il progetto del Presidente è quello di migliorare anche in ambito internazionale la nostra squadra, e devo dire che ci sta riuscendo benissimo.
Riguardo a Zapata, potrebbe essere sia una scommessa che un’alternativa ottima per caratteristiche fisiche e tattiche ai nostri attaccanti. Vediamolo giocare e poi giudicheremo…”

 

Per Hamsik è stato un debutto scoppiettante: fascia di capitano e doppietta personale. È lui il vero top player di questo Napoli? "Si, possiamo dire che è lui il top player di questo Napoli. Anche solo per appartenenza e per quanto è legato alla maglia. Marek è il simbolo del nuovo ciclo del Napoli e la fascia di capitano gli dona parecchio….la merita tutta. I suoi due gol al Bologna sono stati la classica ciliegina sulla torta di un campione che ha tecnica, classe, astuzia e forza allo stato puro”.

 

Buon esordio anche per Higuain… “Buona prestazione quella di Gonzalo, ma sicuramente migliorerà per dimostrare il suo valore idiscusso. Il tempo sarà medico…e visto ciò che è successo a Capri mi sembra la profezia giusta. 

E’ davvero un gran giocatore l’argentino: utile alla squadra e lucido in ogni occasione da gol”.

 

Manca ancora qualcosa al Napoli di Benitez per essere competitivo al cento per cento come la "Vecchia Signora"? “Diciamo che forse a loro manca un allenatore come Benitez….”

 

Secondo lei dove possono arrivare gli azzurri in campionato, Coppa Italia e Champions League?  “Beh se si riesce a giocare sempre con la stessa determinazione, maturità e continuità si potrebbero vincere anche tutti e tre i trofei. Ma per ora dico che ci sono tutti gli ingredienti per poter vincere il campionato, dare filo da torcere a chiunque in Champions League, e vincere la Coppa Italia”.

 

Tornando al campionato: sabato prossimo ci sarà il Chievo, altra bestia nera del Napoli. Che partita si aspetta? "Dopo la sconfitta e la brutta prestazione della scorsa stagione mi auguro di vedere un Napoli determinante e con la giusta cattiveria agonistica. Mi sbilancio con un secco 0-2; doppietta di Higuain, se gioca, oppure Hamsik ed Insigne: festeggiando così il doppio rinnovo.

Sabato mi auguro una vittoria del Napoli per poter festeggiare insieme alla squadra azzurra, perché anche quest’anno il Napoli Club Malpensa sarà presente allo stadio Bentegodi di Verona”.

 

Domenico Ascione – Redazione NapoliSoccer.NET

@ASCIONEDOMENICO

 

club napoli malpensa

club napoli malpensa3

club napoli malpensa 4

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.